Segni d’Amore

Domenica 16 ottobre si è tenuto presso la Scuola Materna delle Suore di Maria Bambina, il primo dei cinque incontri dedicati ai genitori dei bambini battezzati negli anni 2013-14-15-16.

Si tratta di un momento dove i genitori si incontrano, si conoscono, si confrontano e condividono un viaggio che vuol essere un aiuto nell’educazione cristiana dei propri figli.

 

PRESSO IL CAMINETTO

– DIO VIVE NELLA NOSTRA FAMIGLIA E LA NOSTRA FAMIGLIA VIVE IN DIO –

è stato il tema del primo incontro tenuto da Don Alessio Geretti, responsabile dell’ufficio di catechesi della Diocesi.

Si è partiti dal passo della Genesi sulla creazione, brano conosciutissimo, ma che offre continui spunti di riflessione.

Don Alessio ha sottolineato come Dio, dopo aver creato l’universo, ha voluto creare qualcosa di diverso, che somigliasse a lui: l’uomo.

Se fossimo soltanto degli animali punteremmo alla nostra conservazione, alla nostra riproduzione, alla nostra soddisfazione. L’uomo invece punta ad altro, ha bisogno di sentire che la sua vita ha un senso. L’uomo ricerca la Verità, la Bellezza.

Ai giorni nostri, però, si rischia di vivere come le bestie se non teniamo conto di quella sete di infinito che abbiamo, perché noi siamo fatti per l’eternità. Madre Teresa di Calcutta diceva che quando uno ha bisogno di amore e non lo trova, è il più povero dei poveri.

Quindi don Alessio ha proseguito spiegando come l’uomo non sia fatto per la solitudine, ma per la relazione, per la comunione con altri. E’ da qui che nasce il desiderio della famiglia, esperienza importante, ma faticosa; e la diversità fra uomo e donna è quello che la rende ricca, unica e obbliga a cambiare prospettiva.

Dio ha creato l’uomo dalla terra, mentre la donna dal suo fianco. E’ partito da una cosa buona per farne una migliore! La donna, anche attraverso le sue caratteristiche fisiche, ricorda a tutti che è fatta per dare la vita, in lei è radicato ed evidente che lo scopo della nostra vita è donarla agli altri.

I genitori devono tendere a fare di casa loro lo specchio dell’amore di Dio, così un domani, i propri figli li guarderanno come dei simpatici vecchietti.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter