A TAVOLA

A TAVOLA

Domenica 29 gennaio si è tenuto il terzo incontro del ciclo di appuntamenti rivolti ai genitori dei bambini battezzati da 0 a 6 anni.

Pierluigi e Giulia, responsabili dell’ufficio diocesano di pastorale per la famiglia, ci hanno guidato nella ri-scoperta di tutti quei gesti semplici ma autentici che compiamo in famiglia ogni qualvolta ci si siede attorno alla tavola.

Partendo dal brano di vangelo “la tenda di Abramo e Sara” (genesi 18,1-11) abbiamo riflettuto sulla bellezza dei piccoli gesti quotidiani che molte volte non cogliamo più trasportati dalla routine . Il brano fa capire come ci sia una forte e continua relazione tra Vita reale e Vangelo.

Si parte quindi dalla CONDIVISIONE, in fondo ogni piccolo gesto è frutto di condivisione. A tavola è il luogo in cui si condivide non solo il cibo, ma anche le difficoltà, le passioni, le bellezze.

L’ACCOGLIENZA tra noi e con noi ci ricorda che dobbiamo essere aperti verso l’altro, verso l’ospite, in ogni momento, quando colui ne avrà bisogno, la nostra casa e la nostra tavola saranno pronti ad accoglierlo.

Un altro gesto quotidiano è il preparare la tavola che vuol dire mettersi al SERVIZIO degli altri, essere premurosi, prendersi cura di coloro a cui si vuole bene. Servizio inteso anche come OFFERTA del proprio tempo e delle proprie abilità.

La tavola è anche momento di INTIMITA’, luogo in cui potersi ascoltare, luogo in cui potersi confrontare cogliendo la bellezza nei racconti dell’altro.

La tavola come luogo di PERDONO e di RISPETTO verso ogni componente della famiglia.

GRAZIE, un riconoscimento dovuto per tutto ciò che si è ricevuto a tavola: il cibo, la condivisione, la bella accoglienza; tutte cose per nulla scontate a cui spesso non facciamo caso.

Tutti questi sono grandi gesti d’amore che quotidianamente compiamo nelle nostre case, per le nostre famiglie. Sono punti che ci fanno cogliere la bellezza del Vangelo nelle nostre vite.  Non a caso, Papa Francesco parla di una Pastorale del Grembiule, ricordando che l’educazione cristiana si riflette nei piccoli gesti quotidiani che viviamo nella nostra vita domestica.

Dopo un piacevole confronto su tali punti nei vari gruppi di lavoro, ci siamo soffermati sulla relazione che c’è tra la tavola domestica e la tavola eucaristica.  Partiamo dal Vangelo in cui la tavola è luogo ricorrente di riunione e condivisione : solo per citarne alcuni l’episodio delle nozze di Cana, il pranzo da Zaccheo, l’Ultima Cena. La mensa è sempre stata cara al Signore. Approfondendo questo parallelismo riflettiamo sui vari punti che durante la celebrazione eucaristica uno ad uno vengono rivissuti nelle nostre chiese:

-la condivisione, tutti seduti assieme, facenti parte della stessa comunità cristiana

-la prima parte della Messa è incentrata sull’accoglienza

– il servizio/l’offerta, non solamente durante la funzione ma anche al di fuore come servizio per la comunitò cristiana di cui siamo parte

– l’intimità e il perdono che il Signore ci da la possibilità di vivere durante il momento dell’eucarestia

-il ringraziamento per tutto ciò che abbiamo.

Il prossimo appuntamento è previsto per  domenica 19 marzo sempre alle 16.00 presso le aule dell’asilo delle suore di maria bambina.

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter