PESCA DI BENEFICENZA 

Il comitato della Pesca di Beneficienza è in cerca di nuove forze per l’edizione 2017, ecco come è andata la scorsa edizione. 

Pesca

Si tratta della 9a edizione della pesca di beneficenza, che anche quest’anno è terminata la domenica del Palio dei Borghi, con la vendita di tutti i biglietti.
Un sentito ringraziamento a tutte le ditte e ai commercianti che anche quest’anno hanno offerto premi e buoni, a tutte le famiglie che ci donano articoli di vario genere e a tutti i numerosi fagagnesi, e non, che hanno acquistato i biglietti.
La nostra pesca è unica nel suo genere, il suo scopo è infatti la beneficenza, in quanto non va a guadagno dell’organizzazione che la gestisce, bensì, l’intero ricavato va principalmente a sostegno delle attività promosse dal gruppo missionario, il quale devolve tutto il ricavato a quelle situazioni di grave disagio, segnalate dai missionari fagagnesi in giro per il mondo;  a sostegno delle attività del coro dei Pueri Cantores, i cui coristi possono usufruire delle lezioni di canto in maniera quasi completamente gratuita; e infine a sostegno delle attività organizzate dall’oratorio, i cui animatori offrono il loro tempo in maniera gratuita e volontaria per consentire ai bambini di poter usufruire di un servizio che sia il più economico possibile.
Ogni anno, inoltre, abbiamo sostenuto con parte del ricavato, diverse iniziative: spese per invio di un container contenente diverso materiale di prima necessità in Togo (Africa), riparazione delle  porte di Sala Vittoria, manutenzione dei serramenti della Sala Comuzzi, acquisto di carta da disegno per le scuole materne, costruzione di una cisterna per la raccolta dell’acqua in Sud America e quest’anno una quota a sostegno delle popolazioni dell’Italia centrale, colpite ad agosto dal terremoto.

Tutto ciò è possibile già da 9 anni grazie al contributo di tutti coloro che giocano alla pesca, di tutti coloro che la organizzano e gestiscono, di tutte le ditte e le famiglie che offrono materiali, gadgets, buoni e quant’altro per poter arrivare a raccogliere gli 8000 premi in palio.
Purtroppo il comitato organizzatore quest’anno si è trovato molto in difficoltà in quanto il numero degli intervenuti per la vendita e la distribuzione dei premi è stato davvero esiguo.
Sarebbe un peccato che la pesca il prossimo anno non riuscisse a prendere forma, andando così a scapito di tutte quelle famiglie e quelle situazioni che con questo contributo hanno avuto dei buoni vantaggi anche per le attività svolte dai loro bimbi, e anche a scapito della sagra del paese per la quale la pesca offre una notevole e tradizionale attrattiva.

In questi mesi primaverili quindi, il comitato si impegnerà a coinvolgere altre realtà bisognose di beneficenza e altre persone che abbiano piacere di intraprendere questa esperienza, per poter cedere, in parte o completamente, il testimone, permettendo così a tutto il paese di non rinunciare nuovamente alla pesca di beneficenza, simbolo immancabile di ogni sagra paesana.

Se qualcuno fosse interessato all’iniziativa può scrivere ai seguenti indirizzi e-mail:
indulcijubilo.fagagna@gmail.com
animatori@parrocchiafagagna.it

Certi che questa iniziativa porterà un po’ di serenità ad altre realtà bisognose nei prossimi anni, auguriamo a voi tutti ogni bene.

Il Comitato della Pesca di Beneficenza

CondividiShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter